Itinerario – Mura estensi -1^ Parte

Proposta di itinerario turistico in Ferrara

1) PARCHEGGI- INIZIO ITINERARIO

Arrivando in auto da sud (Bologna-Ravenna) o da nord (padova) si può

utilizzare il parcheggio gratuito denominato "Ex MOF" che si trova in

Via Darsena angolo C.So Isonzo, oppure il parheggio vicino, a pagamento, denominato

pargheggio "Kennedy" con ingresso sempre da via Darsena.

Da ExMof si esce dalla parte opposta dell'ingresso e si prende Via Rampari tenendosi nella stradina interna alle mura e si prosegue sino a passare l'altro parcheggio ed uscire da questo dove c'è la sbarra di uscita. Ci si trova in Via Kennedy e si vede subito il punto di partenza : la Porta Paula.

Chi ha parcheggiato in Kennedy deve raggiungere l'uscita ed attraversare la strada per essere davanti alla Porta

 

2) PORTA PAULA

Porta Paola fu eretta nel 1612 su disegno di Giovan Battista Aleotti e dedicata a papa Paolo V, allora regnante.

L'attuale aspetto della porta è il risultato di varie azioni che ne hanno modificato nel tempo , sia la forma che la funzione. L'ultimo intervento , avvenuto dal 2001 al 2004 ha permesso di mettere in evidenza l'antico livello e il basamento aleottiano ed altri reperti dell'antico sistema murario. Anticamente la zona era occupata dal Po e qui esisteva la dogana per le merci. Nel 2003, la sistemazione del tratto stradale di fronte alla parta ha permesso di ritrovare i resti di una imbarcazione.

Guardando la porta, a destra inizia il percorso ciclo-pedonale del sottomura, che ci fa incontrare subito il primo bastione di S.Lorenzo

 

3) BALUARDO S.LORENZO

Il contatto immediato con la cinta muraria, ci fa subito apprezzare la maestosità della costruzione. Le inferiate sulle aperture che si vedono, ci fanno subito capire la presenza di spazi all'interno del terrapieno, e ci lasciano anche suppore il loro utilizzo.

Aggirando il bastione ci rendiamo conto anche della strana dimensione ambientale del luogo, ci si trova , in pieno centro con residuo un angolo di campagna.

 

4) BALUARDO E PORTA DI SAN PIETRO

Continuando la nostra camminata/pedalata ci troviamo di fronte alla maestosità ed imponenza di un altro baluardo, quello di S.Pietro, appena lo si supera ci appare la relativa porta. 

Porta S.Pietro è una delle porte più importanti e ne troviamo traccia già nel 1173 ( detta anche "porta delle Vigne" ) essa veniva utilizzata per raggiungere l'isolotto di S.Antonio in Polesine. Questa porta fu poi sostituita da una nuova nella seconda metà del 1400. In questo punto di transito veniva eseguita, oltre al controllo di chi entrava ed usciva dalla città anche la funzione di dazio per il transito delle merci. Nel 1630 la porta, venne chiusa per volere papale ed è rimasta tale sino alla sua riapertura nei primi anni del 2000.

 

5) BALUARDO DI SANT ANTONIO

MONASTERO di sant'antonio in polesine.jpg

Così chiamato perchè si trova di fronte a quella che era l'isola di S.Antonio in Polesine, ove si trova il Monastero delle suore Benedettine, che fu fondato dalla Beata Beatrice d'Este. Al suo interno si trovano affreschi della scuola di Giotto realizzati tra la fine del '200  e la prima metà del'300.(Merita una visita. In primavera si poteva ammirare l'esplosione dei fiori rosa del ciliegio)

 

6) BALUARDO DELL'AMORE

Come il precedente, questo mantiene la struttura tipica dei baluardi. In questo sono stati iniziati gli interventi di riqualificazione con lo scopo di mettere in evidenza la struttura interna dello stesso, sarà quindi possibile vedere e capire come veniva utilizzato il bastione. 

pintaBal amore rosso : antica porta 1451

 azzurro : primo baluardo 1557

 verde scuro: ampliamento 1578

 

7) PROSPETTIVA S.GIORGIO

Siamo ormai arrivati quasi alla fine del nostro, dopo aver percorso questo itinerario sotto mura, dopo aver visto imponenti bastioni a forma di "picca" , dopo aver ammirato i longilinei tratti delle mura meridionali, si presenta ora i resti della prospettiva di San Giorgio realizzata quando Borso d'Este, nel 1451, realizzò la nuova cinta muraria che posta sulla riva sinistra del Po di Volano, relegava la zona di San Giorgio con relativa chiesa, al di fuori della città. Quella che si incontra è ciò che rimane della porta. Il collegamento con la città del rione di San Giorgio passa per numerosi interventi. Il ponte in legno è stato sostituito da uno in muratura (1682) e impreziosito con statue rappresentanti  S.Giorgio, San Maurelio,San Rocco e San Filippo Neri (Scultore Cignaroli). Il ponte fu bombardato durante la seconda guerra e ricostruito in cemento nel 1952.

 

8) BALUARDO PORTA ROMANA E SAN GIORGIO

Attraversata la strada e mantenendosi sulla stradina sterrata ci si immette nel tratto orientale delle mura ferraresi

 VEDI VIDEO

 http://youtu.be/UBPn2GdE7cU

Sviluppato da Edit Art