Adriana Benetti (1919)

Nata a Quacchio, piccolo borgo a est di Ferrara, si diplomò presso l’Istituto Magistrale per arrivare successivamente a Roma dove si iscrisse e frequentò il Centro Sperimentale di Cinematografia.
Durante la frequentazione dei suoi corso fu notata da Vittorio De Sica, che la fece debuttare alla giovane età di 22 anni nel film Teresa Venerdì, nel ruolo di protagonista.
La sua carriera cinematografica ebbe da quel momento una crescita stupefacente per tutti gli anni ’40 e ’50.
Durante la sua carriera fu diretta da Alessandro Blasetti, Luigi Zampa, Giorgio Ferroni e da Goffredo Alessandrini (autorevoli registi dell’epoca) e lavorò a fianco di attori come Gino Cervi, Rossano Brazzi, Eduardo e Titina De Filippo.
Recitò anche in alcune pellicole spagnole ed argentine.
Specializzata in ruoli di ingenua (divenne la “fidanzatina” d’Italia), negli anni ’50 diradò progressivamente, con l’affievolirsi delle caratteristiche che la contraddistinsero, le sue apparizioni cinematografiche interpretando anche la professoressa in Le diciottenni e successivamente la matura fidanzata in A vent’anni è sempre festa del 1957, film con il quale chiuse con il cinema.
Proprio per quell’aura di eterna ingenua che la contraddistinse e che la rese molto celebre, nel 1947 scandalizzò l’Italia posando in bikini per il settimanale «Tempo illustrato».

Sviluppato da Edit Art